Dio rivela a Santa Caterina da Siena: “Il timore servile non è sufficiente a dare la vita eterna; ma esercitandosi in que­sto timore si giunge all’amore della virtù.”

Tratto dal Dialogo della divina Provvidenza di Santa Caterina da Siena

 

CAPITOLO 49

Il timore servile non è sufficiente a dare la vita eterna; ma esercitandosi in que­sto timore si giunge all’amore della virtù.

 

Ora ti dico che vi sono alcuni, i quali si sentono spronare dalle tribolazioni del mondo, che lo do affinché l’anima cono­sca, non solo che il suo fine non consiste in questa vita, ma che le cose di questo mondo sono imperfette e transitorie, e così desideri me, vero suo fine, prendendo le cose sotto questo aspetto. Allora per mezzo di quella pena che già sentono, e di quella che si aspettano per via della colpa, cominciano a to­gliersi la nuvola del peccato. Con questo timore servile comin­ciano ad uscire dal fiume, vomitando il veleno, che era stato loro gettato dallo scorpione sotto figura di oro e che essi ricevettero senza discernimento. Ma appena lo conoscono, comin­ciano a levarselo, e ad indirizzarsi verso la riva, per attaccarsi al ponte.

Ma non basta camminare col solo timore servile, perché lo spazzare la casa dal peccato mortale senza empirla di virtù, fondate sull’amore e non sul solo timore, non è sufficiente a dare la vita eterna. L’uomo deve porre sul primo scalone del ponte ambedue i piedi, cioè, l’affetto e il desiderio, i quali sono i piedi che portano l’anima all’amore della mia Verità, della quale io vi ho fatto ponte per salvarvi.

Questo è il primo scalone, sul quale io ti dissi che vi con­veniva salire, quando ti spiegai come il mio Figlio avesse fatto del suo corpo una scala. È vero però che questo modo di sol­levarsi dal peccato, per timore della pena, è comune in genera­le ai servi del mondo. Siccome le tribolazioni del mondo fanno qualche volta venire loro a tedio se stessi, perciò cominciano a sentire dispiacere. Se si esercitano in questo timore col lume della fede, passeranno poi all’amore delle virtù.

Vi sono invece altri, i quali camminano con tanta tiepi­dezza, che spesse volte ritornano dentro il fiume; poiché, ar­rivati alla riva, e giungendo i venti contrari, vengono percossi dalle onde del mare tempestoso di questa tenebrosa vita. Se giunge il vento della prosperità, il tiepido volge indietro il capo alle delizie con diletto disordinato, poiché non è salito per sua negligenza sul primo scalone. E se viene il vento dell’avversità, si volge indietro per mancanza di pazienza, perché non ha in odio la sua colpa per l’offesa fatta a me, ma per il timore della propria pena, che vede seguirne, col quale timore si era sollevato dal vomito. Ogni pratica di virtù vuole perseveranza, senza la quale non va ad effetto il desi­derio di giungere al fine, per il quale egli cominciò a con­vertirsi; e così non lo raggiunge mai. Fa dunque bisogno la perseveranza, per adempiere quel desiderio.

Ti ho detto che costoro, secondo i diversi movimenti che loro vengono, si volgono: o in se medesimi, impugnando la propria sensualità contro lo spirito; o verso le creature, volgen­dosi ad esse con amore disordinato al di fuori di me, oppure con impazienza per le ingiurie che ricevono da quelle, o dai demoni, in molte e diverse battaglie. Qualche volta il demonio tenta di far venire la persona a confusione, dicendo: Questo bene che tu hai cominciato, non ti vale niente per i tuoi pecca­ti e difetti. E questo lo fa per farla tornare indietro, e farle tra­lasciare quel poco di esercizio virtuoso che ha intrapreso. Altra volta la tenta col diletto, cioè, con una speranza eccessiva della mia misericordia, dicendole: A che ti vuoi affaticare? Gòditi questa vita, e nell’estremo della morte, rientrando in te, riceve­rai misericordia. In tal modo il demonio fa loro perdere il ti­more santo col quale avevano cominciato la loro conversione.

Per tutti questi motivi, e molti altri, volgono il capo indie­tro e non sono costanti né perseveranti. Tutto avviene, perché la radice dell’amor proprio non è punto estirpata in essi; per questo non sono perseveranti, ma accolgono con grande pre­sunzione la misericordia insieme ad una speranza facile e smo­data. Presuntuosi come sono, sperano nella mia misericordia, che continuamente è da essi offesa.

Io non ho dato, né do la misericordia, perché con essa mi offendano, ma perché si difendano dalla malizia del demonio e dalla disordinata confusione della mente. Essi fanno tutto il contrario: col braccio della misericordia mi offendono. E que­sto avviene, perché non hanno continuato ad esercitarsi nella prima mutazione che fecero, quando si rialzarono dal peccato per il timore della pena, sentendosi punti dalle spine delle mol­te tribolazioni e dalla miseria del peccato mortale. Non facendo altri cambiamenti, non giungono all’amore delle virtù; e quindi mancano di perseveranza.

L’anima non può fare che non si muti in qualche maniera; se non va avanti, torna addietro. Così questi tali, è necessario che tornino indietro, perché non vanno avanti nella virtù, di­staccandosi dalla imperfezione del timore della pena per giun­gere all’amore.

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: